Da 2-0 a 2-3. Il rammarico è totale per l’Idras contro Ata Trento

Questione di accenti. Parte da qui l’ennesimo stranissimo sabato sera dell’Idras Torbole Casaglia che, prima del match, si vede negare la possibilità di schierare Renèe Campi, proprio per una questione di accenti. Stranezze a parte, il rammarico gialloblù è grandissimo perchè, sopra 2-0, la gara è scviolata dalle mani delle ragazze di coach Favero, con l’Ata Trento capace di rimontare e imporsi poi al tie break. Sestetto iniziale composto da Oriente incrociata ad Arici, Marchesini (22 punti per lei) e Frigerio bande, Canevali e Penocchio al centro con Riccardi libero e i primi due set procedono, seppur con alti e bassi, ad andamento positivo per l’Idras che chiude abbastanza agilmente con un doppio 25-19, pregustando già l’intera posta in palio.

L’8-2 prima e il 16-10 poi, messi in campo nel terzo parziale, sembrano già la ricetta del successo, ma l’Ata lentamente riduce il gap (21-19), per poi mettere la freccia proprio sul filo di lana chiudendo 22-25.

La gara è riaperta, ma il Torbole sembra ancora in controllo, come testimoniato dall’ottimo avvio di quarto parziale (8-4). A metà set il risultato recita: 16-12 e 21-17 e nulla fa presagire l’imminente ennesima rimonta ospite, che trascina il set ai vantaggi (24-24), prima di consegnare l’inaspettato 2-2 all’Ata, prolungando il match al quinto set (24-26).

Qui l’Idras mantiene il vantaggio in una sfida che si è fatta tesissima (5-4 prima e 10-9 poi), ma ancora una volta sul finale arriva il sorpasso trentino e sono le ragazze di coach Mongera a festeggiare il 3-2 finale (15-17).

Idras Torbole Casaglia: Oriente 2, Arici 17, Marchesini 22, Frigerio 10, Canevali 13, Penocchio 12, Riccardi (libero), Bodei 1, Bianchini, Andreis, Bossini, Campi, Leviti (libero). All. Favero

Studio 55 Ata Trento: Tuller 3, Depaoli 16, Carosini 1, Bogatec 14, Maines 8, Brugnara 13, Margon (libero), Ghiotti, Bampi 1, Zeni (libero), Colombo 1, Paoli. All. Mongera

Altre news